02/02/2015

Esoneri dai contributi previdenziali per assunzioni a tempo indeterminato

Allo scopo di promuovere forme di occupazione stabile, l’INPS ha pubblicato una prima circolare in cui presenta le misure di esonero dal versamento dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel 2015. Seguirà una seconda circolare in cui verranno esposte le istruzioni per la compilazione della documentazione relativa all’esonero contributivo.

L’incentivo è destinato all’assunzione di lavoratori che nei 6 mesi precedenti non abbiano avuto altri rapporti di lavoro a tempo indeterminato, è rivolto a tutti i datori di lavoro privati (imprenditori, non imprenditori, anche nel settore agricolo) e riguarda le assunzioni effettuate a partire dal 1 gennaio sino al 31 dicembre 2015.

I contratti a tempo indeterminato interessati dall’esonero possono essere anche part-time, destinati all’assunzione di personale con qualifica dirigenziale, all’assunzione a scopo di somministrazione o l’assunzione in attuazione del vincolo associativo stretto con una cooperativa di lavoro. Non rientrano nelle categorie interessate all’esonero i contratti di apprendistato e lavoro domestico, i contratti di lavoro intermittente o a chiamata.

La misura dell’esonero è pari all’ammontare dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro (esclusi premi e contributi INAIL) con un massimale di € 8.060,00 annui ed interessa un periodo di 3 anni. L’esonero non è inoltre cumulabile con altre agevolazioni previste dalla normativa vigente (incentivi per assunzioni di over50, disoccupati…) , è però compatibile con le misure di aiuto previste dal programma Garanzia Giovani.

Maggiori informazioni su: http://www.inps.it/bussola/VisualizzaDoc.aspx?sVirtualURL=%2FCircolari%2FCircolare%20numero%2017%20del%2029-01-2015.htm

______________________________________________________________________________

19/01/2015

Sostegno finanziario di tirocini destinati a lavoratori disoccupati adulti

La Regione del Veneto ha stanziato un totale di 738.000,00 Euro per l’indennità di partecipazione destinata ai partecipanti di tirocini organizzati dai Centri per l’Impiego Veneti e destinati a lavoratori disoccupati adulti che non dispongano di sostegni al reddito.

L’obiettivo è attivare entro il 30 maggio 2015 all’interno di tutte le province venete un totale di 300 tirocini della durata di 6 mesi, prevedendo di erogare a ciascun tirocinante 400,00 euro per ogni mese di esperienza di tirocinio svolto.

Maggiori informazioni su: http://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/HomeBollettini.aspx

__________________________________________________________________________________

05/11/2014

Nuovi finanziamenti dalla Regione Veneto per reintegrare le categorie a rischio nel mercato del lavoro

La Regione del Veneto con DGR 2001 del 28 Ottobre 2014 ha deciso di sostenere, con un ulteriore finanziamento pari a €1.150.000,00, i progetti di politiche attive indirizzati ai lavoratori a rischio di espulsione dal mercato del lavoro.

I finanziamenti riguardano progetti di inserimento e reinserimento lavorativo per lavoratori sospesi in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria o in Deroga, disoccupati di lunga durata o lavoratori in mobilità.

Tutte le informazioni al link: http://www.regione.veneto.it/web/bandi-avvisi-concorsi/dettaglio-bando?_spp_detailId=2780566

________________________________________________________________________________

30/05/2014

Lavori di pubblica utilità per soggetti disoccupati over 35

La Regione del Veneto ha stanziato un finanziamento a favore dell’impiego di disoccupati sopra i 35 anni nello svolgimento di lavori di pubblica utilità (es. servizi bibliotecari e museali, amministrativi, di assistenza agli anziani, di supporto scolastico, di attività di giardinaggio di aree pubbliche, di vigilanza parcheggi e assistenza ai convegni, altri servizi…) presso i comuni o enti e società da essi partecipate.

I comuni o i loro enti strumentali possono richiedere alla Regione un contributo massimo di 5.000 Euro per ogni lavoratore impiegato (vigono però dei massimali legati alla popolazione ufficiale del comune). E’ inoltre richiesta un’integrazione del finanziamento da parte dei comuni pari al 35% del finanziamento richiesto alla regione.

Per partecipare è necessaria la compilazione del formulario on-line.

Scadenza: 12 dicembre 2014 (salvo esaurimento anticipato dei fondi)

Maggiori informazioni a: http://www.regione.veneto.it/web/lavoro/attivita-di-pubblica-utilita

________________________________________________________________________________

 

 08/10/2013

Contributi  ministeriali per l’effettuazione di servizi di sostituzione in favore di giovani imprenditori agricoli.

Il Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, nell’ambito delle attività finanziate dal Fondo per lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile in agricoltura, con il DM prot. 14092 del 17.7.2013, concede contributi per l’effettuazione di servizi di sostituzione in favore di giovani imprenditori agricoli.

Requisiti per il beneficiario dell’aiuto:

Un’imprenditore agricolo può richiedere l’aiuto se:

      • ha meno di 40 anni;
      • ha una qualifica di imprenditorre agricolo professionale o coltivatore diretto ;
      • chiede l’aiuto per partecipare ad un corso di formazione (minimo 5 gg) o, in caso di imprenditrici donne, per la nascita di un figlio (fino ad un anno di vita del bambino).

Requisiti per il sostituto:

      • possedere le capacità professionali adeguate a svolgere le funzioni per cui è richiesta la sostituzione;
      • non deve appartenere al nucleo famigliare del beneficiario.

Importo del contributo:
l’80% del compenso lordo annuo e comunque:

      • fino a 100€ giornalieri;
      • fino a 5.000€ annui.

Download documenti al link : http://www.reterurale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/12444

 

______________________________________________________________________________________

 

Antenna Sviluppo è un progetto sociale legato allo sviluppo del territorio partendo dell’autoimpreditorialità dei lavoratori esclusi dal processo produttivo ed il loro coinvolgimento in aggregazioni e comunità di pratiche. I lavoratori disoccupati imparano a fare impresa in un cluster mirato a sostenere l’economia digitale e i servizi per il territorio.